È proprio necessario integrare minerali nella dieta chetogenica?

Sta diventando sempre più ampiamente accettato il dato di fatto che le diete chetogeniche possono essere molto sane e nutrizionalmente complete. Carne, pesce, uova, latticini, noci e verdure sono ricchi di tutti i nutrienti chiave di cui il corpo ha bisogno quotidianamente. In alcuni casi, tuttavia, l’integrazione con minerali noti come elettroliti può essere utile.

Questo perché una ridotta assunzione di carboidrati può compromettere l’equilibrio degli elettroliti, in particolare dei livelli di sale e, di conseguenza, provocare piccoli malesseri. Per informarti meglio, puoi leggere alcune recensioni di Keto Slim Fit.

La decisione di assumere integratori di minerali dovrebbe essere basata sullo stato di salute e sull’ insorgenza o meno di sintomi. Se essi non compaiono, è probabile che non sia necessario integrare minerali. Naturalmente, qualsiasi tipo di attività fisica rigorosa può rendere difficile l’assunzione di elettroliti esclusivamente tramite il cibo, per cui potrebbe essere opportuno assumere integratori per migliorare le prestazioni e lo stato generale di forma. Di seguito analizziamo le principali carenze di minerali, i sintomi e le varie soluzioni possibili per integrarli.

Carenza di sodio

Secondo molte organizzazioni sanitarie, la maggior parte delle persone dovrebbe ridurre il sodio per prevenire l’ipertensione e altri problemi di salute. Nelle diete a base di carboidrati, questo è sicuramente vero; tuttavia, nel caso della dieta chetogenica, il fabbisogno di sodio possono aumentare a causa dell’aumento dell’eliminazione per via renale.

Inoltre, il consiglio di ridurre l’assunzione di sale, valido per tutti, viene oggi seriamente messo in discussione. Almeno sei studi recenti hanno rivelato l’assenza di benefici accertati o addirittura un aumento della mortalità a causa del ridotto apporto di sale. Sembra che un’assunzione inferiore a circa 5 grammi di sodio al giorno possa accorciare la vita media.

Quando l’assunzione di carboidrati è drasticamente ridotta, i livelli di insulina nel sangue diminuiscono e si verifica un aumento della quantità di sodio eliminata dall’organismo. Se il sodio non viene reintegrato, si possono manifestare diversi sintomi, fra cui spossatezza, mal di testa, debolezza e difficoltà di concentrazione.

La maggior parte delle persone ricava almeno 2 g di sodio dagli alimenti. È possibile aggiungere un cucchiaino di sale ad un litro d’acqua e berlo nel corso della giornata (ricorda che un cucchiaino di sale fornisce circa 2,4 g di sodio). Un’altra strategia è quella di bere brodo, che contiene circa 1 g di sodio per tazza.

Carenza di potassio

Quando il corpo elimina il sodio, i reni espellono una maggior quantità di potassio nel tentativo di mantenere l’equilibrio. L’espulsione di un’eccessiva quantità di potassio può portare alla comparsa di una serie di sintomi, quali crampi muscolari, palpitazioni e accelerazione del battito cardiaco.

Anche se la maggior parte degli alimenti contiene solo modeste o basse quantità di potassio, ci sono diversi alimenti poveri di carboidrati che possono aiutare a soddisfare il fabbisogno giornaliero. Per assumere una maggior quantità di potassio è possibile ricorrere agli integratori oppure provare ad aggiungere quotidianamente un avocado o un paio di porzioni di altri alimenti ad alto contenuto di potassio alla dieta.

Carenza di magnesio

A differenza di quanto accade per il sodio e per il potassio, non è detto che il fabbisogno di magnesio aumenti seguendo la dieta chetogenica. Tuttavia, anche se il magnesio si trova in una vasta gamma di alimenti, molte persone non ricavano una sufficiente quantità di magnesio con la sola dieta. Di conseguenza, possono avvertire diversi sintomi, come contrazioni o crampi muscolari notturni.

La maggior parte degli alimenti contiene solo piccole quantità di magnesio, ma ci sono alcune fonti che ne sono ricche e possono essere incluse in una dieta chetogenica. Mangiare regolarmente bietole e altre verdure cotte è la principale strategia per soddisfare il fabbisogno di magnesio.

Registrandoti e Commentando acconsenti alla nostra Privacy Policy e accetti i nostri Termini e Condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *