Indice Glicemico vediamo cos’è

La scelta degli alimenti e la percentuale di zuccheri che assumiamo quotidianamente è molto importante soprattutto se vogliamo dimagrire, restare in forma o ancora peggio se abbiamo malattie croniche da tenere sotto controllo. Per questo motivo, oltre a conoscere quali sono i cibi senza zuccheri e quale può essere una dieta senza zucchero, dobbiamo anche conoscere come questi zuccheri vengono assimilati e in particolare cos’è l’indice glicemico.

Ma non tutti gli alimenti e i cibi che assumiamo possono aumentare il livello di glucosio nel sangue, non tutti sono quindi responsabili  di stimolare la temuta INSULINA che spesso può essere il preludio dell’aumento di peso.

Per quanto riguarda l’indice glicemico, possiamo dire in maniera sentetica ed esemplificativa che L’indice glicemico misura la capacità di un determinato glucide di alzare la glicemia dopo il pasto rispetto a uno standard di riferimento che è il glucosio puro.*(Fonte Wikipedia)

Volendo scendere più nel dettaglio possiamo dire che l’indice glicemico (IG) è un sistema di classificazione utilizzato per misurare la velocità di digestione e assorbimento dei cibi contenenti carboidrati e il loro conseguente effetto sulla glicemia, cioè il glucosio(zucchero) nel sangue.

I punteggi dell’indice glicemico (IG) sono classificati come in una scala formata da tre gruppi:

livello basso (inferiore a 55),
livello medio (tra 56-69),
livello alto (maggiore di 70).

Tabella alimenti Indice GlicemicoAd esempio un cibo con un valore dell’indice glicemico alto e quindi maggiore di 70 produrrà un picco temporaneo di glucosio nel sangue dopo il suo consumo. Per contro un cibo con un basso valore dell’indice glicemico provocherà un’elevazione del glucosio nel sangue più lento e sostenuto.

Il livello glicemio degli alimenti spesso è dovuto anche al tipo di cottura, alla combinazione con altri cibi o anche alla lavorazione stessa del cibo.

Il valore glicemico degli alimenti non resta sempre fisso, infatti spesso questo viene modificato a seconda del tipo di cottura e della combinazione con altri alimenti. Per questo motivo vi consigliamo comunque di consultare uno specialista e seguire le sue indicazione, e non basta seguire la tabella con i livelli glicemici degli alimenti, ma bisogna affidarsi ad un esperto dietologo che ci sappia consigliare come cucinare i cibi e come associarli tra loro.

Ad esempio mangiando un primo di pasta con della verdura, magari condita con un dell’olio, contribuisce a rallentare la digestione degli zuccheri a causa delle fibre (verdure) e grassi (olio), diminuendo così il tempo di rilascio nel sangue del glucosio.

Per questo spesso si consiglia di associare sempre delle verdure ai propri pasti che contribuisco ad aumentare il senso di sazietà e a migliorare la gestione dello zucchero nel corpo.

Dietista e foodblogger della prima ora che riesce a dispensare consigli utili per ricette gustose, salutari ed ipocaloriche.

Alessia Rubini

Dietista e foodblogger della prima ora che riesce a dispensare consigli utili per ricette gustose, salutari ed ipocaloriche.

Registrandoti e Commentando acconsenti alla nostra Privacy Policy e accetti i nostri Termini e Condizioni.

Un pensiero riguardo “Indice Glicemico vediamo cos’è

Lascia un commento