Alluce valgo: sintomi, cure ed esercizi

L’alluce valgo è un’affezione del primo dito del piede che tende a colpire soprattutto le donne, e provoca dolore e difficoltà nel cammino oltre che disturbi di natura estetica.

Cause e sintomi dell’alluce valgo

Le cause: la patologia può derivare da fattori ereditari, dal tipo di piede (ad esempio il “piede piatto” è più predisposto), da difetti di rotazione dell’arto o dall’abitudine di portare frequentemente scarpe alte con la punta stretta.

I sintomi: deformità visibile del primo dito che tende a rientrare e “nocetta” (testa del primo metatarso) sporgente, area dolente, arrossata e calda, difficoltà a camminare con tendenza a spostare il peso sul lato esterno del piede; il dolore si accentua se portiamo scarpe col tacco o calzature scomode.

Diagnosi e trattamento chirurgico

L’intervento è eseguito in anestesia periferica, dura circa 30 minuti e prevede la resezione (osteotomia) o sostituzione della parte danneggiata; in media sono prescritti 2 giorni di ricovero.

In genere il carico è concesso dal giorno stesso dell’intervento con l’utilizzo di una scarpa apposita, dopo circa un mese si indossano le scarpe da ginnastica e dopo altri 15 giorni le calzature normali.

Operazione alluce valgo

Per una ripresa totale è obbligatorio sottoporsi ad un efficace e lungo ciclo di fisioterapia (almeno 60 giorni!) e seguire attentamente tutte le indicazioni del terapista per svolgere anche a casa gli esercizi appropriati.

Se non si è abbastanza determinati e convinti a seguire un buon percorso riabilitativo, è inutile sottoporsi all’intervento.

La cura: approccio conservativo

Secondo la gravità del quadro si può intervenire con un approccio conservativo o chirurgico.

Trattamento conservativo dell’alluce valgo:
Si basa su una serie di accorgimenti e terapie atte ad attenuare lo stato infiammatorio e rallentare il processo degenerativo, che purtroppo non possono far regredire la patologia ma certamente possono rallentarla e dare sollievo.

Sono consigliati:

  • Fisioterapia e terapie fisiche (ultrasuoni, laser, tens…).
  • Farmaci antinfiammatori e antidolorifici, (assumi sotto controllo medico).
  • Utilizzo di plantari: rivolgiti a un podologo che ti confezioni dei plantari su misura che ti aiuteranno ad alleggerire il carico sull’alluce, camminare meglio e alleviare il dolore.
  • Utilizzo dei tutori sia di giorno che di notte: vi sono semplici tutori che puoi indossare durante il giorno all’interno delle scarpe e altri adatti per il riposo notturno; per acquistarli puoi rivolgiti al più vicino negozio di articoli ortopedici.
  • Riposo del piede: evita di fare lunghe passeggiate o portare pesi, soprattutto se indossi calzature non idonee!
  • Infiltrazioni cortisoniche o di acido ialuronico.
  • Seguire abitudini corrette: non portare scarpe alte, a punta o troppo basse, meglio un tacco largo e comodo di bassa altezza (circa 5 cm), una scarpa morbida e possibilmente ortopedica; molto buono l’uso dell’ infradito.plantare alluce valgo

Esercizi da fare a casa per rallentare l’evoluzione della patologia

Ti consiglio alcuni piccoli esercizi che ti aiuteranno a sentire meno dolore e rallentare l’evoluzione della patologia.

Alluce valgo – Esercizio 1

Siediti comodo e afferra l’alluce con pollice e indice e muovi dolcemente in su e in giù le piccole articolazioni del dito come nella figura.
In seguito spingi delicatamente la testa del metatarso all’interno, come per “farla rientrare”.

Alluce valgo – Esercizio 2

Esercitati a muovere attivamente l’alluce cercando di allontanarlo dal secondo dito (se hai già una deformazione importante probabilmente ti sarà difficile fare questo esercizio).

Alluce valgo – Esercizio 3

Traziona dolcemente e con cautela il dito come per “allungarlo” mentre con l’altra mano lo tieni fermo alla base.

Registrandoti e Commentando acconsenti alla nostra Privacy Policy e accetti i nostri Termini e Condizioni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *