La vitamina B17 e i nitrilosidi: i cibi contro il cancro

All’interno dei cibi esistono numerosi tipi di sostanze che sono in grado di incidere sul funzionamento dell’organismo e addirittura possono modificare in meglio in peggio alcune parti dell’ organismo.
Ad esempio esistono alcune vitamine che migliorano le capacità cerebrali e altre invece che riducono la sensazione di freddo, come nel caso della vitamina B3.
In questo articolo vogliamo darvi alcune informazioni di carattere generale che possono aiutarvi a seguire un’alimentazione sana, che rappresenta il punto di partenza per qualsiasi tipo di dieta.
Parlando di cibi ad esempio ce ne sono alcuni che possono prevenire malattie davvero gravi e brutte come ad esempio il cancro, oppure esistono degli alimenti che riducono le infiammazioni e sono indicati ad esempio per chi è affetto da artrosi.
Ma esistono davvero dei cibi in grado di tutelarci da malattie mortali come il cancro? La vitamina B17, nota anche come amigdalina, è composto da una serie di proprietà delle piante naturali chiamate nitrilosidi.

I nitrilosidi sono un gruppo di composti di zucchero solubili in acqua che vengono poi convertiti in una sostanza chimica chiamata salicilati, che i ricercatori ritengono possono fornire potenti benefici per la salute.
Secondo di recenti studi sembrerebbe che queste sostanze sono in grado di tutelarci da una serie di malattie ed in particolare anche dal tumore o almeno da alcune forme di tumore che attaccano gli essere umani in forma e più o meno gravi.

I nitrilosidi che si trovano nella vitamina B17 hanno una capacità analgesica naturale (sostanza antidolorifica). Questo complesso anti-infiammatorio può aiutare a ridurre infiammazioni muscolari e dolori articolari, così come a migliorare la mobilità articolare.
Assumere quotidianamente queste vitamine attraverso i cibi o utilizzando degli integratori, rappresenta decisamente un aiuto valido che potete trovare all’interno della natura per salvaguardare il vostro corpo dagli attacchi di patologie serie.

Quando si va a fare la spesa, bisogna essere sicuri di acquistare alimenti che contengono vitamina B17, come lino, patate dolci, lenticchie, bacche di sambuco, e noccioli di albicocca.
Questi alimenti che sono ad alto contenuto di nitrilosidi ci aiutano a combattere l’infiammazione. Importante è anche l’uso di salicilati per rafforzare la salute del cuore.
Inoltre è bene sottolineare che i salicilati, o acido salicilico, sono presenti anche in molti farmaci anti-infiammatori. I farmaci più comuni che contengono queste sostanze sono farmaci da banco utilizzati per alleviare il mal di testa.

La vitamina B17 si trova in abbondanza in natura. Però siccome la vitamina B17 è amara al gusto, l’uomo ha tentato, nel corso del tempo, di migliorare i gusti e i sapori per il proprio piacere, e di conseguenza ha eliminato sostanze amare come la B17 attraverso meccanismi di selezione e incroci.

Una fonte primaria di amigdalina Vitamina B17 sono i noccioli di albicocca. Si tratta quindi di una parte di cibo che in realtà non mangiamo. Una cosa che è stata notata anche degli esperti è che queste sostanze sono cruciali per la prevenzione del cancro ma di fatto non vengono assunte direttamente attraverso l’alimentazione quotidiana.
Altri semi di frutta che contengono amigdalina Vitamina B17 sono mela, ciliegia, nettarine, arancio, pesca, pera, prugna, prugna o anche mandorle amare. Infine alcune verdure, legumi e cereali che contengono anche vitamina B17.

Diete per Dimagrire

Blog con consigli e informazioni per dimagrire e restare in forma: esercizi, diete e ricette utili!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *