Alimentazione Calciatore Tabella e Dieta

Sia il calciatore professionista che il giovane calciatore hanno bisogno di seguire un’alimentazione varia ed equilibrata, in grado di soddisfare le esigenze nutrizionali di un’attività sportiva come il calcio a livello agonistico.
E’ fondamentale ricordare che un calciatore che svolge lo sport come attività agonista avrà bisogno di un apporto nutrizionale più equilibrato e la compenente dell’alimentazione va di pari passo con l’allenamento fisico e tattico.

Vediamo insieme quali possono essere gli alimenti da privilegiare per seguire una dieta del calciatore.

Tabella Alimentazione Calciatore

Nella tabella alimentare una parte molto importante sono le proteine come pesce, carne, uova, latte, legumi, che pur essendo alimenti molto diversi tra loro sono accomunati dalla buona quantità di proteine presenti nella loro composizione. Ci teniamo a sottolineare che gli alimenti devo essere di buona qualità e vanno conservati in maniera rigorosa, altrimenti potrebbero perdere i loro principi nutritivi in termini nutrizionali e di proteine.
I salumi come il prosciutto cotto e il crudo oppure la bresaola possono essere previsti nell’alimentazione del calciatore come fonte di proteine, ma vanno dosati in maniera occasionale, mentre gli insaccati come ad esempio il salame o la mortadella vanno completamente evitati.
Settimanalmente gli alimenti proteici da assumere dovrebbero variare come illustrato nella tabella alimentare del calciatore:

Carne: 4 volte a settimana
Pesce:  2 – 3 volte a settimana
Legumi: 3 volte a settimana
Uova: 1 volta a settimana
Salumi: 2 volte a settimana

Cosa deve mangiare un calciatore? Dieta e Allenamento

Ecco allora alcuni utili consigli su cosa deve mangiare un calciatore, prima e dopo la partita di calcio.

Dieta per un calciatore

L’alimentazione e la dieta del calciatore, così come per tanti altri sport, dev’essere varia, equilibrata e specialmente attenta all’assumere determinati alimenti nei momenti giusti della giornata. Questo non basterà forse a diventare come Maradona, ma almeno aiuterà a sostenere gli sforzi fisici che la preparazione atletica e la partita richiedono.
Da studi effettuati è emerso che molti giovani, anche nel giorno della partita, saltano la colazione, che è il pasto più importante della giornata e che è anche l’unico sostanzioso prima della gara. Questo, come è facile intuire, può facilmente portare a cali di prestazione durante la partita per la mancanza di “combustibile” all’interno della macchina-organismo, proprio perchè il nostro corpo è come un’auto e, senza benzina, non va lontano.
Bisogna ricordarsi che è fondamentale non solo “cosa” si mangia ma anche “quando”.

Prima di una partita, ad esempio, ci alimenteremo in modo leggero e con sostanze di rapido smaltimento che non stiano quindi a richiamare troppo sangue allo stomaco inficiando così la prestazione sportiva.
Durante e dopo lo sforzo, ci preoccuperemo di riequilibrare i sali minerali che saranno andati perduti con acqua ad alto contenuto salino.
Questa può essere una tabella alimentare da seguire per i calciatori, sia dilettanti che professionisti, ricordando che dosi e quantità vanno regolate in base al peso e all’altezza di ogni atleta.

Colazione
Cereali, pane (meglio se integrale) con miele o marmellata, latte con fiocchi d’avena, caffè o thè zuccherato.

Spuntino
Della frutta.

Pranzo
Una porzione di verdure crude di stagione come antipasto e dopo della pasta o del riso.

Spuntino pomeridiano
Della frutta.

Cena
Verdure crude, magari prima di una porzione di legumi, carne o pesce.